La paura del successo

  • Approfondimenti

Qualunque sia il nostro proposito, dal traguardo lavorativo alla realizzazione personale o alla vita sentimentale, potremmo incappare in un grosso ostacolo: la paura di ottenere davvero quello che vogliamo.

Perché il successo fa paura?


Avere successo spesso significa entrare in un territorio inesplorato: affrontare l’ignoto, nuove esigenze, mettersi alla prova fino a conoscere i propri limiti. Tutto questo è faticoso, difficile e soprattutto spaventoso. È più rassicurante vivere la vita di sempre, anche se sentiamo che non è la nostra vera vita e che non ci permetterà mai di essere felici.

Cercare il successo significa esporsi, sottoporsi all'esame di chi ci circonda, attirare potenziali critiche. Talvolta, significa deludere le aspettative degli altri o rompere un equilibrio che non riguarda solo noi. Infine, la paura del successo può significare, per qualcuno, il timore di cambiare la propria identità fino a non riconoscersi più, o tradire i propri valori e dover scendere a compromessi. Eppure, se ci pensiamo, cambiare non significa affatto buttare via tutto ciò che siamo e in cui crediamo.

Come riconoscerla


La paura del successo si nasconde e ci depista, prediligendo una modalità di vero e proprio autosabotaggio. Ecco come può manifestarsi:

  • INCONCLUDENZA: Passi molto tempo a fare piani accurati ed elenchi di cose da fare, senza riuscire a mettere in pratica nulla di concreto.
  • DISTRAZIONE: Ti poni un obiettivo per la giornata (per esempio studiare per qualche ora, o leggere gli annunci di lavoro) e utilizzi invece il tempo per controllare le notifiche sui social e per chattare, o per guardare la TV.
  • EVITAMENTO: Ti impegni a fondo in qualcosa che non c’entra nulla con il tuo obiettivo.Ad esempio pulisci casa più di quanto sia necessario, ti dedichi ai tuoi familiari fino a non avere più tempo per te, prendi un impegno che in realtà non ti interessa.
  • PROCRASTINAZIONE: Rimandi il tuo proposito ad un altro momento o ti dimentichi quello che avevi deciso di fare.
  • DUBBIOSITÀ: Ti assalgono pensieri che soffocano l’entusiasmo come: “Non so se ne vale la pena, in fondo non so mai quello che voglio”, “Se anche raggiungessi il mio obiettivo, non sarei comunque felice”, “Ormai è troppo tardi” e così via.
  • MORALISMO: Hai l’idea che non meriti di essere felice, perché in passato hai commesso degli errori o perché qualcuno vicino a te sta soffrendo. Oppure pensi che la felicità sia un’ambizione inverosimile o troppo presuntuosa, e che sia meglio aspirare al quieto vivere.

Riconosci in te qualcuna di queste manovre di autosabotaggio? Se è così, sai quanta sofferenza si nasconde dietro ognuna di queste situazioni in apparenza banali e insignificanti. È il momento di smascherare la paura del successo!

Blog

Articoli Correlati


preferisci un

Appuntamento in sede?

Contattami per fissare un colloquio. Attraverso un primo consulto gratuito potremo capire insieme le tue reali esigenze, individuando il percorso più adatto a te.

 *Acconsento a che i miei dati personali vengano utilizzati in accordo con la Privacy e Cookie Policy

 Acconsento all'uso dei miei dati personali per essere aggiornato sui nuovi arrivi, prodotti in esclusiva e per le finalità di marketing diretto correlate ai servizi offerti e ricevere proposte in linea con i miei interessi attraverso l'analisi dei miei precedenti acquisti.

seguici sui social

+39 328 1382210